La tecnologia? Riduce le diseguaglianze

La tecnologia non solo è utile, anzi fondamentale nella vita quotidiana, ma è pure “buona”. Ne sono convinti gli italiani, che ritengono che il progresso tecnologico possa accorciare le distanze, ridurre le diseguaglianze e l’impatto ambientale. A dirlo è una recente ricerca condotta da Samsung in collaborazione con il Politecnico di Milano che evidenzia che il 62% degli intervistati considera che il digitale possa contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale, il 49% lo reputa motore di progresso sociale e il 47% strumento per la riduzione delle disuguaglianze e la promozione di una società più inclusiva ed equa. 

La smart home per un mondo più green

In base al punto di vista sul digitale espresso dagli italiani, si scopre poi che per i nostri connazionali la smart home è cruciale per la riduzione degli impatti sull’ambiente. Il 54% degli intervistati associa infatti la casa intelligente alla possibilità di controllare e ridurre i consumi, il 37% ritiene che, grazie a una casa connessa, sia possibile rendere la propria vita domestica più sostenibile. Ma la sostenibilità è anche tra le caratteristiche ritenute più rilevanti per una città intelligente, perché per il 48% degli intervistati la Smart City deve rispecchiare l’idea di un luogo sostenibile nel pieno rispetto del pianeta e delle esigenze del singolo.

Attenzione alla salute

Ma le nuove tecnologie, sempre secondo i nostri connazionali, non fanno bene solo all’ambiente, ma anche alla salute. Sono percepiti infatti particolarmente utili le modalità e i dispositivi volti al miglioramento delle aspettative di vita attraverso strumenti per monitorare il benessere fisico e la salute e le tecnologie per la sicurezza personale. La diffusione di dispositivi per la salute risulta di interesse per il 58% degli italiani. Oltre a quello fisico, le tecnologie innovative contribuiscono anche al benessere della mente: secondo la ricerca di Samsung e del Politecnico anche il settore dell’istruzione può trarre grande miglioramenti dallo sviluppo di novità tech, che hanno la capacità di rivoluzionare la didattica attuale e di farla progredire verso un approccio più ibrido. L’87% degli intervistati è fiducioso che la tecnologia impatterà positivamente la qualità dell’istruzione. Inoltre gli italiani auspicano un cambiamento radicale negli scenari didattici futuri: ad esempio il 30% del campione immagina una didattica dove la realtà aumentata consentirà di seguire lezioni in aula o da remoto completamente immersive e interattive. Infine, conclude la ricerca, un terzo degli intervistati è “convinto che il digitale avrà sempre più una funzione di motore dell’occupazione, se supportato da una maggiore diffusione delle competenze adeguate e dallo studio delle Stem (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), indispensabili per poter sfruttare appieno i benefici delle nuove tecnologie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.